Casa Religioni Le danzatrici Apsara, ninfe celestiali

Le danzatrici Apsara, ninfe celestiali

da Pierre To
7 minuti leggere
Le danzatrici Apsara, ninfe celestiali

Le Apsara sono ninfe celesti di grande bellezza, eccezionali danzatrici, che spesso usano le loro doti di seduzione per impedire ai saggi di raggiungere l'illuminazione.

Presentazione

Aspara

L'apsara, anche detta apsaras, è uno spirito femminile delle nuvole e dell'acqua nella cultura indù.

Sono presenti nella scultura, nella danza, nella letteratura e nella pittura di molte culture dell'Asia meridionale e del sud-est asiatico, come ad esempio in Thailandia.

Nella mitologia indiana, le apsaras sono bellissime creature soprannaturali.

Sono giovani, eleganti e specialisti nell'arte della danza.

Spesso sono donne dei Gandharvas, i musicisti della corte di Indra.

Danzano sulla musica dei Gandharva, di solito nei palazzi degli dei, intrattenendo e talvolta seducendo gli dei e gli uomini.

Vicini e al servizio degli dei, sono talvolta paragonati agli angeli.

Si dice che gli Apsara siano in grado di cambiare forma a piacimento e di governare le fortune.

Ognuna delle 26 Apsara della corte di Indra rappresenta un aspetto distinto delle arti dello spettacolo.

Sono anche associati a riti di fertilità.

Gli Apsara nel Rigveda

AsparaIl Rigveda parla di un'Apsara che è la moglie di Gandharva; tuttavia, il Rigveda sembra anche ammettere l'esistenza di più di un'Apsara.

L'unico apsara specificamente nominato nel Rigveda è Urvashi.

Le scritture indù successive riportano l'esistenza di molte apsaras, che agiscono come servitori di Indra o come danzatori nella sua corte celeste.

La storia dell'apsara Urvashi

Esistono molte leggende sulla nascita di Urvashi, la seguente è la più comune:

Aspara

Il re degli dei, Indra, non voleva che i saggi Narayana e Nara acquisissero poteri divini attraverso la meditazione, così inviò due apsara per distrarli.

Uno dei saggi allora le colpì la coscia, creando una donna così bella che le apsaras di Indra non potevano eguagliarla.

Questa bellissima donna era Urvashi, da cui il nome, da uru, la coscia.

Annunci

La meditazione del saggio poteva allora raggiungere il suo apice.

Una volta completato, il saggio offrì la sua creazione a Indra.

Urvashi prese quindi il posto d'onore alla corte di Indra.

Urvasi divenne anche la moglie di un re umano, Pururavas

Si riunirono a condizione che lui non scoprisse la sua nudità.

Si narra che Urvashi sia tornata in cielo poco prima dell'alba in compagnia di altre apsaras, di ritorno dal palazzo di Kubera sul monte Kailasa dove aveva portato a termine il suo compito di interrompere la penitenza del saggio Vibhandaka, lasciando con lui il figlio.

Era con Chitralekha, Rambha e molti altri quando un demone di nome Keshin rapì Urvashi (o, a seconda delle versioni, Urvashi e Chitralekha), andando in direzione nord-est con i suoi prigionieri.

Seguendo le storie, il gruppo di Apsara rimanente chiese aiuto e fu ascoltato dal re Pururavas.

Inseguì il demone sul suo carro e liberò l'apsara (o due apsara) dalle sue grinfie.

Urvashi e Pururavas si innamorarono a prima vista, ma le ninfe furono immediatamente richiamate in cielo.

Il re tornò a casa e cercò di concentrarsi sul suo lavoro, ma non riuscì a smettere di pensare a Urvashi.

Si chiese ad alta voce se si trattasse di un caso di amore non corrisposto.

Urvashi, che era andata a trovare Pururavas in forma invisibile, poiché non riusciva a smettere di pensare a lui, ha poi scritto un messaggio su una foglia di betulla, confermando il suo amore.

Purtroppo la foglia fu spazzata via, fermandosi solo ai piedi della regina Aushinari, principessa di Kashi e moglie di Pururavas.

La regina dapprima si infuriò, ma poi dichiarò che non si sarebbe messa in mezzo ai due amanti.

Purtroppo, poco prima che Urvashi e Pururavas potessero parlarsi, Urvashi fu richiamata in cielo per recitare in uno spettacolo.

Era così distratta durante la recita che non ha colto l'attimo e ha sbagliato a pronunciare il nome del personaggio del suo amante durante la rappresentazione, dicendo Pururavas invece di Purushottama.

Come punizione, Urvasi fu bandita dal cielo, pena modificata da Indra in "fino a quando il suo amante umano non avesse messo gli occhi sul figlio che avrebbe partorito".

Dopo una serie di incidenti, tra cui la temporanea trasformazione di Urvashi in una vite, la maledizione fu finalmente annullata e gli amanti poterono rimanere insieme sulla Terra finché Pururavas visse.

Gli Apsara nel Mahabharata

Asparas

In molte delle storie raccontate nel Mahabharata, le apsaras appaiono in ruoli importanti.

L'epica contiene diversi elenchi delle principali Apsara, non sempre identici.

Ecco un elenco, con una descrizione di come le danzatrici celesti apparivano ai residenti e agli ospiti della corte degli dei:

Ghritachi e Menaka e Rambha e Purvachitti e Swayamprabha e Urvashi e Misrakeshi e Dandagauri e Varuthini e Gopali e Sahajanya e Kumbhayoni e Prajagara e Chitrasena e Chitralekha e Saha e Madhuraswana

Questi e altri, a migliaia, avevano occhi come foglie di loto, che venivano usati per attirare i cuori delle persone che praticavano rigide austerità.

Con una vita sottile e ampi fianchi biondi, hanno iniziato a compiere varie evoluzioni, scuotendo i loro seni profondi, lanciando sguardi ed esibendo altri atteggiamenti attraenti in grado di rubare i cuori, le menti e gli spiriti degli spettatori.

Un po' come la storia di la vita di BuddhaFu allora che le belle figlie di Mara cercarono di destarlo dalla sua meditazione danzando davanti a lui.

La ninfa e il saggio

AsparaUn tipo di storia o tema che appare spesso nel Mahabharata è quello di un Apsara inviato per distrarre un saggio o un maestro spirituale dalle sue pratiche ascetiche.

Una storia che incarna questo tema è raccontata dall'eroina epica Shakuntala per spiegare la propria discendenza.

Il saggio Viswamitra aveva generato un'energia così intensa per mezzo della sua ascesi che Indra stesso era diventato timoroso.

Decidendo di distrarre il saggio dalle sue penitenze, mandò l'apsara Menaka a cercare di affascinarlo.

Menaka tremò al pensiero di irritare un asceta così potente, ma obbedì al comando del Dio.

Quando si avvicinò a Viswamitra, il dio del vento Vayu le strappò i vestiti.

Vedendola così spogliata, il saggio cedette al desiderio.

La ninfa e il saggio ebbero rapporti sessuali per qualche tempo, durante il quale l'ascesi di Viswamitra fu sospesa.

Di conseguenza, Menaka partorì una figlia, che abbandonò sulle rive di un fiume.

Quella ragazza era Shakuntala stessa, la narratrice della storia.

Foto di asparagi

AsparasGiovani ballerini di AsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAsparaAspara

Video: Danzatrici Apsara

Se anche voi volete vedere un apsara, niente di più facile, basta praticare la meditazione e raggiungere un livello di saggezza tale da far tremare Indra 😉 :

Imparare a meditare: un corso completo di meditazione

Vedi anche :

Leggenda tailandese


Fonte: Wikipedia ; wiki Urvashi Foto: faceebook,

Quanto è stato utile questo post?

Cliccate su una stella per valutarla!

Valutazione media / 5. Conteggio dei voti:

Nessun voto per ora! Sii il primo a valutare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguiteci sui social media!


Se le nostre notizie, informazioni turistiche o culturali vi sono state utili e volete sostenerci:



Ti potrebbe interessare anche