Pratico

Droga nel bicchiere: una donna australiana testimonia dopo il suo viaggio in Thailandia

Storie di droghe nel bicchiere sono sempre più frequenti, una donna australiana racconta come sia stata drogata a sua insaputa durante il nuovo anno 2015 sull’isola di Koh Phi Phi in Thailandia.

Anna Johnson era in vacanza con il suo fidanzato quando, la vigilia di Capodanno del 2015, la sua serata è stata rovinata da un incidente che le ha impedito di controllare le sue azioni e persino di vedere correttamente.

La signora Johnson, 28 anni, ha spiegato che lei e il suo ragazzo erano vigili, ma crede che l’incidente sia avvenuto quando ha comprato un drink mentre il suo partner stava parlando con una coppia che avevano incontrato.

“Ricordo di essermi seduta e di aver cercato di trovarlo, ma a quanto pare sono caduta e i miei occhi mi giravano la testa”, ha detto a News Corp.

“Il mio partner sapeva subito cosa era successo. “Non riuscivo a vedere e non riuscivo a muovere le gambe.”

Droga nel bicchiere: per fortuna aveva il suo ragazzo!

Ha poi vomitato fino a quando non si è sentita abbastanza bene per tornare all’hotel dove erano alloggiati, ma ha detto che si sentiva ancora “sfocata” e che ha avuto effetti per qualche ora in più, nonostante l’assenza di alcol.

La signora Johnson desidera ora avvertire la gente dei pericoli della diffusione di bevande contenenti droghe.

“Ho 28 anni, non ho 18 anni e questa non è la prima volta che viaggio all’estero, ed è successo a me”, ha detto.

“Ora mi sento in colpa perché la sera prima eravamo sulla spiaggia e abbiamo visto tutte queste ragazze ubriache e abbiamo pensato che bevevano troppo o facevano uso di droghe e li abbiamo superati pensando che fosse scortese”.

“Ora mi rendo conto che possono aver messo della droga anche nelle loro bevande e che non c’era nessuno ad aiutarli.

“Sembravano ubriachi come me.”

Thailandia è una delle 10 destinazioni più popolari per i turisti australiani per i quali il Dipartimento degli Affari Esteri ha emesso avvertimenti sull’aumento delle bevande contenenti droghe, secondo Finder.com.au.

L’elenco comprende anche l’Indonesia, il Regno Unito e il Vietnam.

Vedi anche su questo argomento:
Scam in Thailandia


Fonte: honey.nove.com

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Tags

Pierreto

Settled in Thailand since a few years (with trips to Laos, Vietnam, Cambodia), I love this country and its inhabitants, the real country of Smiles! Sorry for any translation errors that may occur. Feel free to mention them in the comments, I will correct them. Thank you.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
fringilla diam eget ut mi, Nullam adipiscing efficitur. ante. felis mattis
Close

Adblock Detected

We’ve detected that you are using some adblocking software which is preventing the page from fully loading. We do not implement annoying types of ads!

We need money to operate the site, and almost all of it comes from our online advertising. Please add thai369.com to your ad blocking white list.

That’s one small step for YOU, one giant help for US!