Casa Insolito Taglio del pene, un'altra specialità della Thailandia!

Taglio del pene, un'altra specialità della Thailandia!

da Pierre To
5 minuti leggere
Taglio del pene, un'altra specialità della Thailandia!

Se avete una fidanzata thailandese e non siete molto fedeli, allora dovete sapere che il taglio del pene è una specialità che fa della Thailandia anche il campione mondiale dei trapianti di pene.

Ho sentito spesso questo tipo di storie, la più triste delle quali riguardava un giovane monaco novizio che ogni mattina andava a ricevere un particolare tipo di offerta da una donna anziana.

Ovviamente, non si trattava di un'offerta autorizzata dalla Buddismo Theravada ed entrambi erano colpevoli.

Poi il giovane lasciò il monastero, trovò una fidanzata della sua età e, in qualche modo, durante un incontro con la sua ex amante, gli tagliò le parti intime.

Forse anche una storia di Karma...

Ricordo anche un articolo del Courrier International che raccontava di una donna thailandese gelosa che aveva tagliato i gioielli di famiglia del marito e, per essere sicura che non potessero essere ricuciti, li aveva legati a un palloncino ad elio e li aveva mandati in aria.

All'epoca ridevo molto, immaginavo la palla che cadeva e la gente che la guardava:

"Oh un pallone, ma cosa c'è appeso laggiù? Oh!"

Ecco un articolo dell'AFP del 2004 sull'argomento:

Thailandia, campione mondiale di trapianti di pene

Li bollivano, li legavano a palloncini, li davano in pasto alle anatre o li gettavano nel water.

Quando si tratta di privare un uomo infedele di tutti i suoi mezzi, l'immaginazione delle donne thailandesi è sconfinata.

Mentre la Tailandia è diventata il primo paese al mondo per intervento di riparazione del peneNon è un caso: i casi di mutilazione sono frequenti nel regno.

L'ultimo è stato riportato ieri, su un agricoltore di 29 anni.

Medici e psicologi spiegano questa estrema violenza con la diffusa infedeltà e la volontà delle donne di difendere i propri diritti.

La tradizione della poligamia, ufficialmente vietata solo un centinaio di anni fa, è ancora molto diffusa e distrugge molti matrimoni in Thailandia.

Inoltre, il pene è venerato come simbolo di potere e fertilità, sottolineano gli esperti.

Falli di pietra o di legno si trovano in ogni mercato del regno o sulle prue delle navi.

Non aiuta il fatto che ogni cuoco thailandese che si rispetti sia dotato di molti coltelli, uno più affilato dell'altro.

Seduto nel suo ufficio al Paolo Memorial Hospital di Bangkok, il chirurgo Surasak Muangsombot ricorda di aver eseguito il suo primo trapianto di pene nel 1978 e di aver subito scoperto che queste raccapriccianti mutilazioni erano una forma di violenza domestica in Thailandia.

Dal 1978, la sola équipe del dottor Surasak ha operato 33 uomini.

Annunci

Nello stesso periodo, in Svezia sono stati registrati "solo" tre casi.

Due negli Stati Uniti, tra cui il caso di John Bobbitt, che dopo aver riacquistato le sue capacità grazie a un intervento chirurgico è diventato un attore di film pornografici, e uno in Australia.

"Alcuni anni ce ne sono quattro o cinque (in Thailandia) e poi non se ne sente parlare", dice il dottor Surasak, "ma a volte è come un'epidemia.

I fallo-plastici hanno il loro bel da fare, perché le donne gelose, una volta tagliato il pene, spesso attaccano lo sfortunato organo.

"Alcuni lo fanno bollire, lo danno in pasto alle anatre, lo buttano nel water, lo seppelliscono o addirittura lo legano a un palloncino e lo lasciano volare via", spiega il chirurgo.

Il caso più difficile per lui fu quello della donna che si rifiutò a lungo di ammettere di aver mandato il membro virile del marito in una fossa settica.

"Ho chiesto all'infermiera di pulirlo bene e ho avvertito il paziente che avrebbe potuto avere una sepsi", spiega il medico.

Mi rispose: "Guarda, fai del tuo meglio, e se mi viene la sepsi, almeno morirò con il mio pene".

"Sono passate quindici ore dal momento in cui il pene è stato tagliato e innestato, un tempo molto più lungo di quello previsto dai libri, ma l'ho fatto, e con mio grande stupore tutto è andato bene".spiega il chirurgo.

Per il dottor Wallop Piyamanotham, psicologo, l'amputazione del pene è legata all'abitudine thailandese di prendere una seconda moglie.

"L'unica vendetta possibile per la moglie è l'amputazione del pene del marito" che la tradisce e la abbandona, spiega, perché "pochi uomini (infedeli) fanno ancora sesso con le loro mogli".

Nonostante i danni al pene mutilato, dice il dottor Surasak, il successo dei trapianti è impressionante.

"La percentuale di successo è di 100 %, ma credo che solo 50 % possano tornare a funzionare normalmente", afferma.

Il chirurgo dà una regola d'oro per gli uomini che non sanno resistere alla tentazione dell'infedeltà:

"Se hai un'amante, tua moglie sarà pazza e pronta a mutilarti in qualsiasi momento. Quindi fatela felice (siate generosi), ma allo stesso tempo, nell'attesa, portate sempre con voi una bottiglia thermos e l'indirizzo di un buon chirurgo.


Conosco molti che dovrebbero comprarsi un thermos 😉

Foto: Banana : La lingua di Duke - palakit: Deror avi

Quanto è stato utile questo post?

Cliccate su una stella per valutarla!

Valutazione media / 5. Conteggio dei voti:

Nessun voto per ora! Sii il primo a valutare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguiteci sui social media!


Se le nostre notizie, informazioni turistiche o culturali vi sono state utili e volete sostenerci:



Ti potrebbe interessare anche