Pratico

Una muta per cani aggressiva in Tailandia: un turista attaccato

Un giovane neozelandese è stato attaccato da un branco di cani in Thailandia, un’occasione per ricordare alcune semplici regole per saper reagire con cani aggressivi.

In Thailandia ci sono spesso branchi di cani che durante il giorno rimangono tranquilli, ma a volte diventano aggressivi di notte, sono particolarmente pericolosi per i bambini, ma nessuno è al sicuro da un morso, soprattutto perché ci sono casi di rabbia nel paese.

Ci sono problemi con i cani randagi e adottati, i primi sono spesso più paurosi, i secondi sono spesso liberi di andare dove vogliono e riunirsi in branchi la sera per proteggere il loro territorio.

Adolescente neozelandese attaccato da un branco di cani

PS: I neozelandesi si definiscono “kiwi”.

L’idilliaca vacanza di un’adolescente Kiwi girl in Thailandia si è trasformata in un incubo dopo essere stata attaccata da un branco di cani randagi mentre correva da sola su una popolare spiaggia.

Sarah Calley, 16 anni, sfuggita per un pelo all’attacco di 12 cani selvatici e scappata solo tuffandosi in mare, dove è stata costretta a camminare nell’acqua fino a quando gli animali non si sono più preoccupati di lei.

L’adolescente di Christchurch, che sperava di diventare veterinaria, ha detto che ora viveva nella paura dei cani.

Durante una vacanza a gennaio, aveva iniziato a correre la mattina presto lungo la bella spiaggia di Nai Yang a Phuket, quando ha sentito uno scossone di dolore e si è girata per vedere un cane tozzo marrone che le ha morso il polpaccio.

Il capobranco è stato rapidamente raggiunto da altri 11 cani, che sono “usciti dal nulla” per inseguire Calley, che ha iniziato a correre lungo la spiaggia gridando aiuto.

“Riuscivo a sentirli dietro di me e gridavo: ‘Aiutatemi’, ma non c’era nessuno sulla spiaggia”, ha detto.

I cani l’hanno morsa due volte prima che andasse in mare.

Uno dei cani l’ha morso alla caviglia mentre si tuffava in acqua.

Calley aspettò che un’altra turista la riportasse in albergo.

Eppure, a soli cinque metri dal parco dell’hotel, il cane marrone è tornato per un secondo attacco, costringendo Calley, che zoppicava, a sbattere la porta dell’hotel.

“Ero isterica e gridò che ero stata morsa, ma quasi nessuno parlava inglese”, disse.

Ha poi ritrovato i suoi genitori ma, sotto shock, ha avuto difficoltà a farsi capire, come ci racconta sua madre Moira:

“Era in piedi, aveva il telefono in mano, era davvero isterica e il sangue scorreva lungo le gambe.”

Poiché le vacanze erano state organizzate a sorpresa per Calley e sua sorella Michaela, le ragazze non erano state vaccinate contro la rabbia.

Moira ha portato sua figlia sotto la doccia per pulire le ferite, mentre suo marito si è precipitato alla reception per chiamare un taxi.

Guidato in un vicino ospedale, Calley ha ricevuto diverse iniezioni, compresi i vaccini antirabbici.

La sua pelle non era stata strappata, ma aveva profonde perforazioni nella parte posteriore della gamba.

Sono stati trattati in cliniche mediche di “qualità variabile” ogni giorno per il resto delle due settimane di vacanza, e il suo trattamento per la rabbia è stato completato in Nuova Zelanda.

I morsi hanno anche messo Calley a disagio qualche giorno dopo, quando la sua famiglia è volata in Cambogia.

Inoltre non è stata in grado di nuotare per il resto del viaggio di due settimane per paura di essere infetta.

Calley ha detto di aver sviluppato una paura per tutti i cani, ma stava cercando di superarla per realizzare il suo sogno di diventare un veterinario.

La tragedia di Calley arriva dopo il New Zealand Herald del mese scorso ha rivelato i problemi che possono verificarsi durante un viaggio in Thailandia.

Dal 2009, 150 Kiwi in viaggio in Tailandia hanno richiesto assistenza medica all’estero al governo neozelandese – il maggior numero di richieste da qualsiasi paese.

Ma mentre i kiwi sono più spesso avvertiti dei rischi, come il consumo di alcol o le lesioni durante le attività di avventura, la rabbia rimane diffusa nel paese.

Una settimana prima dell’attacco di Calley a gennaio, i cani hanno anche morso altri cinque turisti, secondo un articolo di Phuket News.

Il presidente ed il CEO Chris White di assicurazione della traversa del sud ha detto che i reclami per i morsi animali, specialmente cani e scimmie, non sono rari.

“Un certo numero di destinazioni popolari per i neozelandesi, come la Thailandia, Samoa e le Isole Cook, sono la patria di animali che possono apparire addomesticati”, ha detto.

Il sito web del Worldwise Travelers Health and Vaccination Center ha dichiarato che i turisti dovrebbero prendere in considerazione la vaccinazione antirabbica prima di recarsi in Thailandia con bambini con “tassi di esposizione particolarmente elevati” a causa della loro attrazione per i cani randagi.

Calley ha detto che i viaggiatori Kiwi dovrebbero assolutamente guardarsi dai cani randagi all’estero, perché mentre possono sembrare amichevoli, possono improvvisamente diventare aggressivi.

“Soprattutto al mattino, è la loro stagione di caccia. E non scappare perché potrebbero vederti come una preda”, ha detto.

Fonte: odt.co.co.nz

Impacco per cani aggressivo: come reagire

In generale non sono un problema, ringhiano un po’, ma se vai per la tua strada senza preoccuparti, ti lasciano in pace.

Ora, se sono davvero aggressivi e bloccano la tua strada, ci sono diverse soluzioni che non sono necessariamente evidenti a tutti da mettere in pratica:

La reazione pacifica

già, se sei a piedi, non dovresti correre, perché allora, nella loro testa, sarai preda e ti inseguiranno.

non dovresti mostrare la tua paura, perché la sentono e tu dovresti mantenere la calma, pensare di fare respiri profondi e tenere il respiro a lungo, questo già toglie parte dello stress e anche se sentono la tua paura, saranno impressionati dal tuo aspetto calmo.

si dovrebbe (non ovvio) evitare di guardarli negli occhi, in quanto la vedono come una provocazione, tenendo d’occhio coloro che si avvicinano troppo da vicino.

non mostrare loro i denti, con un sorriso americano, ad esempio, perché lo vedono anche come una provocazione.

puoi piegarti e fingere di raccogliere una pietra, poi tenere la pietra finta come se fossi pronto a lanciargliela addosso, a volte basta per tenerli a distanza.

se avete uno zaino, un ombrello o qualsiasi altro oggetto simile, potete usarlo come protezione, metterlo davanti ai cani più vicini.

rifugiarsi in quota se si ha la possibilità

non voltare le spalle ai cani aggressivi che preferiscono attaccare da dietro.

tenere le braccia vicine al corpo, punti chiusi in modo da non essere morsi.

se ti ringhiacciano, girano una borsa o altri oggetti (non una bistecca;) intorno a te per tenerli lontani.

se avete del cibo, dategliene un po’ per distrarli.

Il metodo aggressivo

Bisogna sempre provare prima i metodi pacifisti, ma a volte sono davvero troppo aggressivi, e non avrete altra scelta che difendervi:

utilizzare un bastone per spaventarli facendolo girare intorno a voi e se non la scelta, colpire il corpo, ma non la parte superiore della testa che è molto duro

se davvero non hai scelta, puoi usare i pugni per colpire, il naso è molto sensibile e può anche ucciderli.

utilizzare il pepe, ma può renderli più aggressivi, o uno spray al pepe, ma dovrete comprarlo sul posto, perché non passerà attraverso l’aeroporto.

Cani aggressivi: cosa fare in caso di morso

Consultare immediatamente un medico, poiché un trattamento precoce è essenziale per ridurre il rischio di infezione.

Lavare l’area con sapone delicato antibatterico e acqua corrente per ridurre il rischio di infezione.

Applicare un unguento antibiotico e coprire con una benda pulita o una medicazione sterile.

Lavare accuratamente le mani con acqua e sapone prima e dopo il trattamento delle ferite.

Per ridurre il gonfiore, applicare una borsa del ghiaccio avvolta in un asciugamano freddo o comprimere (panno imbevuto di acqua fredda) sul blu per 5-10 minuti.

Se siete stati morsi, date sempre per scontato che un morso di cane randagio rappresenta un rischio di infezione da rabbia e quindi è necessario un vaccino ad azione rapida (immunoglobulina antirabbica) per evitare che il virus della rabbia vi infetti.

I vaccini antirabbici vengono iniettati nel braccio.

Di solito si ricevono quattro iniezioni in 14 giorni.

Impacco per cani aggressivo: la mia esperienza

Mi piacciono i cani e non ho problemi in generale, tranne quando sono su una bicicletta, su una moto, metto le gambe e accelero.

Una volta in Thailandia, mi trovavo in una situazione davvero difficile, di fronte a un intero gruppo di cani aggressivi che mi bloccavano la strada abbaiando.

Ero in bici e doveva essere l’una di notte, se avessi forzato la diga mi avrebbero attaccato, così ho guardato quello che sembrava il più aggressivo e mi sembrava il leader, e ho corso verso di lui e l’ho corso per un po’.

Erano tutti spaventati e scappati nel terrore, perché non ero io la preda ma il cacciatore e poi non mi hanno mai più causato problemi, se ne andavano quando mi vedevano arrivare da lontano.

Altrimenti, quando arrivo in un posto nuovo e ci sono cani aggressivi sulla mia strada la sera, cerco sempre di prendermi il tempo di farmi conoscere fermandomi e facendoli sentire la mia mano, una sorta di presentazione che a volte si conclude con una sessione di carezze.

E se sono davvero aggressivi, allora gioco la dominante, ringhio anche loro, li inseguo, è davvero molto raro che un cane non scappi da un essere umano, ma succede, e dopo questo piccolo gioco, mi lasciano in pace poi gli altri giorni.


Fonti : huahintoday.com

Vedi anche:

Animali pericolosi da conoscere in Thailandia

Phuket, la guida completa per scoprire la Perla Andamana.

Cosa fare a Phuket? Le 10 attività da non perdere nel 2018.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Pierreto

Settled in Thailand since a few years (with trips to Laos, Vietnam, Cambodia), I love this country and its inhabitants, the real country of Smiles! Sorry for any translation errors that may occur. Feel free to mention them in the comments, I will correct them. Thank you.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
vulputate, Sed mattis id, eleifend at commodo ut
Close

Adblock Detected

We’ve detected that you are using some adblocking software which is preventing the page from fully loading. We do not implement annoying types of ads!

We need money to operate the site, and almost all of it comes from our online advertising. Please add thai369.com to your ad blocking white list.

That’s one small step for YOU, one giant help for US!