Visita SukhothaïCittà, Isole e Province

Visita Sukhothai e il suo sito storico

Sukhothaï è un piccolo capoluogo di provincia situato a 427 km a nord di Bangkok in Thailandia, il suo nome significa “l’alba della felicità”.

Descrizione

 

Provincia di Sukhothaï
Provincia di Sukhothaï

.Sukhothaï è diviso in due parti distinte: La città nuova sulle rive del fiume Yom e la città vecchia 12 km più a est, dove potrete scoprire il parco storico di Sukhothaï.

La città moderna soprannominata “New-Sukhothai” è una popolare destinazione turistica, è una città tranquilla con molte pensioni, ristoranti e taxi pronti a portarvi al parco storico.

Foto di Sukhothai, parco storico

Sukhothai, parco storico

Storia del Regno di Sukhothaï

Prima del XIII secolo, i regni Tais si stabilirono sulle colline dell’estremo nord dell’attuale Thailandia.

C’era il regno di Ngoen Yang (predecessore di Lanna intorno a Chiang Saen, nell’attuale Provincia di Chiang Rai) e il regno di Lü di Heokam (intorno a Chiang Hung, l’attuale Jinghong nello Yunnan).

La città era un centro commerciale del regno di Lavo, un vassallo dell’Impero Khmer la cui capitale era l’attuale Lopburi.

La migrazione delle popolazioni tailandesi nell’alta Chao Phraya Valley era ancora in corso.

Secondo gli storici moderni, la secessione di Sukhothaï dall’Impero Khmer iniziò nel 1180, sotto il regno di Po Khun Sri Naw Namthom, sovrano di Sukhothaï e della vicina città di Sri Satchanalai (oggi Amphoe Si Satchanalai, nella provincia di Sukhothaï).

Sukhothaï godeva all’epoca di una grande autonomia, ma fu rilevata intorno al 1180 dai Lavo Mon sotto il loro re Khomsabad Khlonlampong.

Due fratelli, Po Khun Bangklanghao e Po Khun Phameung (Po Khun era un titolo nobiliare) hanno preso Sukhothai dal Mon nel 1239.

Bangklanghao governò la regione con il nome di Sri Indrathit e fu il primo sovrano della dinastia Phra Ruang.

Ha esteso il suo regno alle città vicine. Alla fine del suo regno, nel 1327, il regno di Sukhothaï copriva tutta l’alta valle del Chao Phraya.

Gli storici tradizionali thailandesi considerano la fondazione del regno di Sukhothaï come l’inizio della loro nazione, perché si sa poco dei regni precedenti, anche se gli studi degli storici moderni hanno dimostrato che la storia thailandese inizia prima.

Espansione di Sukhothai sotto Ramkamhaeng

Il Po Khun Banmeaung e suo fratello Ramkhamhaeng (r. 1239-1317) ampliarono il regno a spese delle civiltà vicine.

Per la prima volta, uno stato thailandese divenne una potenza dominante nel sud-est asiatico.

La tradizione storica descrive l’espansione di Sukhothaï con molti dettagli, ma la precisione di questi viene discussa.

Nel sud, Ramkamhaeng ha presentato il regno di Supannabhum e Sri Thamnakorn (Tambralinga, nella penisola malese) e, attraverso di esso, ha adottato il theravada Buddhism come religione di stato.

Nel nord, Ramkamhaeng ha reso omaggio a Phrae e Mueng Sua (Luang Prabang).

A ovest, Ramkhamhaeng venne in aiuto di Wareru (che avrebbe dovuto rapire sua sorella) al momento della caduta del regno pagano, per fondare un regno Mon a Martaban (il regno di Hanthawaddy, poi incentrato su Pegou).

Per questo motivo, gli storici thailandesi ritengono che questo regno fosse un vassallo di Sukhothaï. In pratica, questa dominazione era probabilmente puramente formale.

Ramkhamhaeng chiese ai monaci di Sri Thamnakorn di diffondere il buddismo Theravadan a Sukhothaï.

Nel 1283 inventò l’alfabeto tailandese, che apparve sulla famosa “stele Ramkamhaeng” scoperta dal re Mongkut (Rama IV) 600 anni dopo.

Questa stele rappresenta una testimonianza chiave della storia del paese.

Sukhothai, parco storico Ramkhamhaeng iscrizione

Sukhothai, parco storico Ramkhamhaeng iscrizione

Il governo di Ramkhamhaeng è caratteristico di quello del regno di Sukkhothaï, di tipo monarchico patrocratico, dove il re è considerato il padre e i sudditi i suoi figli.

Ramkhamhaeng incoraggiò il commercio dicendo: “Se vuoi vendere elefanti, lascialo fare a lui. Se vuoi vendere cavalli, lascialo fare a lui. »

Fu anche in questo periodo che iniziarono i primi rapporti con la nuova dinastia Yuan e il regno iniziò ad inviare missioni commerciali in Cina.

Sukhothaï esportava Sangkalok (letteralmente, ceramiche della dinastia Song!).

Questo fu l’unico periodo in cui il Siam produceva ceramiche di stile cinese.

Il declino di Sukhothai e la dominazione di Ayutthaya

Il potere della città ebbe vita breve.

Dopo la morte di Ramkhamhaeng, i regni vassalli furono emancipati sotto il regno di suo figlio Phaya Loethai (1298-1323).

Queste erano prima la provincia di Uttaradit nel nord, poi i regni laotiani di Luang Prabang e Vientiane.

Nel 1319, i Mon ruppero la loro fedeltà ad ovest e nel 1321 la Lanna (fondata nel 1259) prese Tak, una delle più antiche città controllate da Sukhothai.

Nel sud, la potente città di Suphanburi ottenne l’indipendenza anche sotto il regno di Loethai.

Così il regno è stato rapidamente ridotto al suo antico potere locale.

Poi, a partire dal 1350, il nuovo regno di Ayutthaya ha continuato a guadagnare potere.

Nel 1378 i suoi eserciti invasero la città e il re Thammaracha II fu costretto a diventare il suo vassallo.

Nel 1419, di fronte al declino della città, Re Saluethai trasferì la sua capitale in Phitsanulok.

Nel 1424, dopo la morte di Sailuethai, i due fratelli Paya Ram e Paya Banmeung combatterono per il trono.

Re Nagarathirat di Ayutthaya intervenne dividendo il regno tra loro.

La loro sorella sposò Borommaracha II di Ayutthaya e ebbe un figlio, il principe Ramesuan.

Boromban essendo morto senza eredi nel 1446, Ramesuan divenne re con il nome di Trailokanat (o Boromtrailokanat).

Fu anche incoronato re di Ayutthaya nel 1448, che segna la fine del regno di Sukhothai.

Il Silajaruek-Sukhothai è una collezione di centinaia di iscrizioni in pietra che formano una cronaca di questo periodo.

Le più importanti sono la stele Ramkhamhaeng (Silajaruek Pho Khun Ramkhamhaeng), il Silajaruek Wat Srichum (un racconto della storia della regione e dello Sri Lanka) e il Silajaruek Wat Pamamamuang (un resoconto politico-religioso del governo del re Loethai).

La grande città è ormai in rovina. Il palazzo di legno dei suoi re è scomparso.

Tuttavia, la città ha ancora molti resti di templi, costruiti in laterite e mattoni.

La maggior parte degli edifici scoperti, alcuni dei quali sono stati rilevati, si trovano all’interno di un fossato rinforzato.

Ma molti altri edifici, sparsi nelle risaie circostanti, aspettano di essere liberati dall’involucro di terra che li ricopre.

Da fare a Sukhothai

Il parco storico

Ci vogliono almeno 3 ore per visitare il sito. È possibile noleggiare biciclette (circa 20 baht).

Il Parco contiene i resti storici di 193 siti su una superficie di 70 km2.

Un programma di restauro, iniziato nel 1960, ha restaurato o ricostruito quasi tutti i monumenti.

Il parco è diviso in 5 zone (centro, nord, sud, sud, est, ovest).

Le zone Centro, Nord e Ovest sono a pagamento (100 THB) perché ospitano i siti principali.

Un biglietto combinato con i resti di Si Sachanalaï è possibile.

Sukhothai Plan

Piano Sukhothai

Il Museo Nazionale Ram Khamhaeng

Questo museo, che ripercorre l’evoluzione dell’arte di Sukhothai, si trova all’interno del parco storico.

Questo museo nazionale ospita numerosi reperti archeologici e antichi reperti trovati tra le rovine della città di Sukhothai.

Informazioni utili sul parco storico

Navetta Song-teo (pick-up-taxi) dal centro città.

Attenzione, non c’è più servizio dopo le 17:30!

Il sito delle rovine dell’antica città di Sukhothai è aperto dalle 8 del mattino alle 18 di sera.

Sri Satchanalai

Costruito sulle rive del fiume Yom, a circa 60 chilometri a nord di Sukhothaï, Sri Satchanalai era la principale città satellite del regno.

Era un centro di vasai e gli scavi hanno permesso di sgombrare i forni sotterranei. Nei sobborghi della città è stata prodotta la famosa ceramica Sawankhalok, che prende il nome dalla regione all’inizio del periodo dei re Ayutthaya.

Abbandonato alla fine del XVIII secolo, molti dei suoi monumenti sono stati rimossi e restaurati nell’ambito dei programmi di Khun Nikom.

Informazioni pratiche

Il periodo migliore per visitare la regione è da novembre a febbraio, quando il clima è più fresco.

La città è particolarmente visitata durante la festa tailandese di Loy Kratong (la festa delle luci) perché per l’occasione vengono organizzate grandi cerimonie e spettacoli sul sito storico.

Ricerca di un hotel a Sukhothai

Non avrete problemi a trovare posti in hotel, ma se venite tra novembre e febbraio, l’alta stagione in Thailandia, è meglio prenotare in anticipo.

È possibile confrontare i più grandi siti di viaggio in una singola ricerca per trovare le migliori offerte di hotel con Hotellook.com.

Come arrivare a Sukhothai

Potete farvi un’idea del prezzo del trasporto a Sukhothai o prenotare i biglietti tramite 12go.asia.

In auto

Da Bangkok, prendere l’autostrada N1 e poi la N32 Nord verso Nakhon Sawan.

L’autostrada N32 diventa di nuovo l’autostrada N1, continuare fino a Kamphaeng Phet, poi prendere l’autostrada 101 in direzione Sukhothaï.

In autobus

Gli autobus con aria condizionata partono dalla stazione degli autobus nord di Bangkok (Mo Chit 2) per Sukhothaï (7 ore di viaggio).

In treno

La stazione ferroviaria più vicina si trova a Phitsanulok, da dove c’è un servizio regolare di autobus per Sukhothaï, a 50 km di distanza.

I treni partono dalla stazione ferroviaria Hua Lamphong di Bangkok.

In aereo

Bangkok Airways offre voli giornalieri da Bangkok a Sukhothaï (circa 1 ora di viaggio).

L’aeroporto si trova a 40 km a nord della città.

Vedi anche:
Trasporto in Thailandia, viaggio nel paese del sorridente.

Immagini di Sukhothaï

Video su Sukhothaï

Mappe della città e della provincia di Sukhothai

Mappa della città

Mappa della città di sukhothai

Mappa della città di sukhothai

Mappa della provincia

 

Mappa della provincia di Sukhothai

Fonte: wikipedia.org ; wikitravel.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
porta. amet, accumsan Aliquam ipsum Phasellus libero quis

Adblock Detected

We’ve detected that you are using some adblocking software which is preventing the page from fully loading. We do not implement annoying types of ads!

We need money to operate the site, and almost all of it comes from our online advertising. Please add thai369.com to your ad blocking white list.

That’s one small step for YOU, one giant help for US!